Dalla protesta alla proposta

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Dalla protesta alla proposta

Messaggio Da silvia il Mer Set 01, 2010 1:16 pm

Ciao a tutti,

ieri il Coordinamento Precari FLC di Pisa ha partecipato all' assemblea provinciale dei precari della scuola promossa dalla Rete Precari Scuola Pisa.

L' assemblea ha ospitato, con grande piacere di tutti, il contributo del Prof. Rocco Altieri, il docente che ha deciso di intraprendere il digiuno gandhiano per riportare l' attenzione dell' opinione pubblica sui corsi serali in particolare quali luoghi primari dell' integrazione.

Il Prof. Altieri ha raccontato della sua iniziativa del digiuno gandhiano ed illustrato gli aspetti positivi per cui ha raccolto attenzione e solidarieta' (fra gli altri: proposizione di pensieri e azioni in positivo, non contro qlcs ma finalizzate a un obiettivo concreto e raggiungibile - portare l' attenzione dell' opinione pubblica sui corsi serali in particolare quali strumenti di integrazione e chiederne il ripristino nella provincia; con azioni non violente, risvegliare il senso etico della cittadinanza generando solidarieta' e condivisione; "indipendenza dalla ribalta", cioe' dal riscontro a tutti i costi voluto dai mezzi di comunicazione di massa, che sono appunto mezzi per il raggiungimento di un obiettivo e non obiettivi in se stessi, onde evitare di divenirne schiavi) e' emersa forte l' esigenza di proposte concrete, realizzabili e condivise che siano obiettivi (realizzabili) della protesta.

Il Coordinamento Precari FLC e' prima di tutto un luogo di proposta: mi sembra quindi quanto mai opportuno ribadirlo e attuarlo, dando avvio a una serie di proposte.

Come idee concrete e realizzabili e obiettivi della mobilitazione, io propongo i seguenti, peraltro gia' richiesti dalla FLC a livello nazionale:

- richiedere in TUTTE le scuole un numero di classi e di posti in organico coerenti con le vigenti normative di sicurezza e con l' eventuale stato degli edifici, quindi un numero di classi e un organico sufficiente ad assicurare il rispetto della normativa;

- richiedere in TUTTE le scuole un numero di ore di sostegno e di posti in organico coerente con ed adeguato a la sentenza Corte Costituzionale 80/2010 rispetto agli studenti disabili della nostra provincia.

Qui a Pisa il Coordinamento Precari FLC ha gia' avviato il confronto. Ci piacerebbe estenderlo a livello nazionale raccordandoci con gli altri Coordinamenti.

Segnalo inoltre fra le prossime iniziative gia' definite:

- il sit-in promosso dal Prof. Altieri e dai suoi colleghi, domani GIOV 2 SETTEMBRE ore 08.00 UST Pisa, finalizzato tra l' altro a chiedere lo stop agli stanziamenti per azioni militari e la destinazione delle risorse recuperate all' istruzione ed all' integrazione, cui aderisce il Coordinamento Precari FLC Pisa;

- l' indizione dell' assemblea provinciale unitaria, promossa dalla FLC CGIL insieme a SNALS CONFSAL, CISL Scuola, COBAS, UNICOBAS CIB, GILDA UNAMS per MERCOLEDI 15 SETTEMBRE (primo giorno di scuola) dalle 08.00 alle 11.00.
Mi pare quanto mai opportuno rilevare come sia importante che i lavoratori, precari e non, si riapproprino delle assemblee sindacali quale luogo di democrazia sindacale! Qui ci sono colleghi precari che mi rispondono "il 15 settembre io non lavorero'", come se un lavoratore disoccupato causa tagli non fosse piu' un lavoratore!

Altre iniziative sono in corso di definizione.

grazie
ciao
silvia
avatar
silvia

Femminile Messaggi : 36
Data d'iscrizione : 01.08.10
Età : 41

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum